You are currently browsing the daily archive for 25,10PMMar, 24 Ott 2006 23:08:02 +01002962006,2008.

Il progetto del ministro Ferrero per modificare la Fini-Giovanardi: riduzione del danno e non repressione
Cancellata l’equiparazione tra leggere e pesanti, punito solo il «commercio a fini di lucro».

Via il Dipartimento voluto da An

Eleonora Martini Il manifesto

Fine dell’equiparazione tra cannabis e droghe «pesanti», come eroina e cocaina, e fine dell’equiparazione tra consumo e spaccio. Si tornerà a differenziare le sostanze stupefacenti in sei tabelle diverse e le pene saranno graduate a seconda della pericolosità e non dell’illegalità. Concetto quest’ultimo che non si baserà più sulla «dose minima consentita», ma sanzionando il «commercio a fini di lucro». Saranno «superate» le sanzioni amministrative, supportate e ampliate le pratiche di riduzione del danno, e promosse forme alternative al carcere.
 

Le linee guida della nuova legge sulle sostanze stupefacenti sono state esposte, genericamente e con molta prudenza, dal ministro della Solidarietà sociale Paolo Ferrero intervenuto ieri a Roma al workshop del Coordinamento Nazionale Nuove Droghe (Cnnd), «Il loisir si fa impresa».
«Sono solo i filoni di riflessione su cui stiamo ragionando con gli altri ministri competenti», ha tenuto a precisare Ferrero ricordando, ancora una volta, che «in fondo sono quelli previsti dal programma dell’ Unione». Una prudenza che non è difficile da capire se si considera che «questo – come ha sottolineato lo stesso Ferrero – non è un governo di sinistra, ma una coalizione in cui coesistono culture di fondo, oltre che politiche, molto diverse». Alcune delle quali sensibili alla «campagna demagogica della destra che fa leva sulle forti paure sociali». Il che rende tutto maledettamente difficile, sembra dire il ministro, anche perché «le droghe toccano un nervo particolarmente scoperto nel nostro paese, quello del piacere». L’obiettivo comunque «non è portare a casa una splendida legge», impensabile con gli attuali rapporti di forza, ma una «che riduca il danno della legge Fini-Giovanardi e abbatta i principali ostacoli che impediscono agli operatori di fare un buon lavoro e tutti insieme di aprire una discussione sensata, priva di elementi dogmatici e ideologici». Leggi il seguito di questo post »

             SI FERMI IL DISEGNO DI LEGGE “LANZILLOTTA”.                     

di Marco Bersani (ATTAC) e Rosa Pavanelli (FP CGIL)

Siamo associazioni e reti di movimento, organizzazioni sindacali e politiche, territoriali e nazionali. In questi anni abbiamo contribuito a costruire vertenze, mobilitazioni e proposte per una nuova idea dello spazio pubblico che avesse al centro la definizione e la salvaguardia dei beni comuni e dei servizi pubblici, come fondamento del contratto sociale e come base della democrazia partecipativa.Abbiamo contrastato le politiche liberiste volte, dentro una logica di svalorizzazione della gestione pubblica, a consegnare ai privati e ai mercati finanziari beni primari come l’acqua e l’energia e beni sociali come l’insieme dei servizi pubblici locali.Abbiamo contrastato l’idea che il mercato sia l’unico regolatore della società, opponendoci all’accordo Gats dentro l’Organizzazione Mondiale del Commercio e alla direttiva Bolkestein dell’Unione Europea. Abbiamo chiesto a gran voce e in tutte le sedi che fosse collettivamente definito lo spazio dell’interesse generale e dei diritti sociali -beni comuni e servizi pubblici- come indisponibile alle logiche di mercato, essendo l’efficacia sociale la sua unica ragion d’essere. Leggi il seguito di questo post »

Report dell’Assemblea del Movimento per la pace e contro la guerra del 21-22
ottobre, a cura del Tavolo fiorentino per l’assemblea nazionale.


L’ASSEMBLEA NAZIONALE DEI MOVIMENTI PER LA PACE E CONTRO LA GUERRA tenutasi  il 21-22 ottobre a Firenze ha chiuso i suoi lavori dopo due giorni intensissimi che hanno visto la partecipazione di oltre 200 persone e che sono stati resi vivi e appassionati da 102 interventi.

L’assemblea ha dibattuto sui vari temi che sono all’ordine del giorno del Movimento, assumendo alla fine decisioni condivise che rappresentano un importante contributo per l’azione futura.

C’è stata un’ampia discussione sulla Palestina, con spunti e accenti diversi che hanno comunque tutti sottolineato la “centralità” della soluzione del conflitto israelo-palestinese e l’urgenza di un’iniziativa per  “salvare la Palestina” e i palestinesi di fornte all’intensificarsi delle politiche aggressive israeliane. In particolare sono stati sottolineati i temi dell’urgenza della fine dell’occupazione militare israeliana dei  territori palestinese; dell’applicazione delle risoluzioni dell’Onu; del rispetto del diritto internazionale e del parere della Corte de l’Aia, con il conseguente abbattimento del muro dell’apartheid; della cancellazione dell’accordo militare tra Italia e Israele; dello sblocco dei fondi italiani ed europei destinati al governo dell’Autorità palestinese. Leggi il seguito di questo post »

schiavitu1.jpgFoggia – «Le forze dell’Ordine e
la Prefettura hanno svolto un lavoro egregio nella lotta allo sfruttamento dei lavoratori immigrati nelle campagne». Donatella Linguiti, sottosegretario al ministero dei Diritti e Pari Opportunità, precisa il suo pensiero sulla vicenda lavoro nero-schiavitù che ha portato le campagne della Capitanata sotto i riflettori di tutta Italia. Il sottosegretario Linguiti che ha partecipato alla manifestazione nazionale di sabato scorso, quindi, puntualizza il suo intervento rilasciato a <+corsivo>“Il Meridiano“ <+tondo>e conferma, invece, che «le forze dell’Ordine e la Prefettura hanno svolto un lavoro egregio». Chi non fa un passo indietro, anzi raddoppia l’accusa, è il neo-comitato Permanente “Mani Sporche”, il gruppo nato a Foggia all’indomani della pubblicazione del reportage di Fabrizio Gatti sul settimanale l’Espresso, con l’obiettivo di documentare, attraverso il suo sito internet e un dossier che uscirà a breve, lo sfruttamento dei lavoratori migranti ed italiani in terra di Capitanata. Leggi il seguito di questo post »

a

APPUNTAMENTI

ottobre: 2006
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Blog Stats

  • 101.876 hits