You are currently browsing the daily archive for 25,11PMMer, 01 Nov 2006 23:25:21 +01003042006,2008.

Rapporto ILO: 85 milioni di giovani senza lavoro. Altri 300 milioni vivono sotto la soglia di povertà, con meno di 2 dollari al giorno.

I dannati del capitalismo moderno
Maurizio Galvani Il Manifesto

Rapporto choc dell’ILO : 85 milioni di giovani di età compresa tra i 15 e i 25 anni sono disoccupati, mentre 300 milioni lavorano ma con un’entrata di appena due dollari al giorno. In dieci anni, tra il 1995 ed il 2005, il numero dei disoccupati è salito dalle 74 milioni di persone alle 85 milioni. Sovrastimato o sottostimato, questo dato conferma che la globalizzazione non ha creato opportunità di sviluppo egualitario. Piuttosto, ha allargato le differenze e ha aumentato il numero dei poveri. Leggi il seguito di questo post »

arton12403.png Fonte: Liberazione

 Legge Lanzillotta: Così come è non la votiamo
 di Giovanni Russo Spena –
 Il vertice dell’Unione di sabato scorso ha segnato una battuta d’arresto nell’offensiva lanciata  dall’ala moderata e liberista del centrosinistra, in nome della cosiddetta “fase 2”. Sarebbe tuttavia ingenuo illudersi di aver fermato una volta per tutte quell’offensiva, che verrà certamente lanciata di nuovo. E’ anzi già ripartita, con le minacciose dichiarazioni di Lamberto Dini sull’esaurimento della prima fase dell’azione di governo e con le sparate del ministro Di Pietro, che confessa di preferire il centrista Tabacci e il nazional-alleato Alemanno alla “sinistra massimalista”.  Leggi il seguito di questo post »

 Fonte: Il manifesto
 Interessi privati e non partecipati

 di Riccardo Petrella

C’è compatibilita tra gestione pùbblica del «Servizio idrico integrato» e gestione mediante Spa? No, per almeno sette ragioni 

II governo Prodi ha decretato nel luglio 2006 (decreti Bersani e Lanzillotta) che la distinzione adottata dai suddetti decreti tra la proprietà delle infrastnitture/reti che deve essere pubblica e la gestione del servizio che può, anzi deve, essere affidata a privati non si applica, a differenza di tutti gli altri servizi pubblici, al Servizio idrico integrato (Sii. distribuzione acqua potabile, fognature, depurazione).Altrimenti detto, nel caso del settore dell’acqua, la proprietà delle reti e la gestione sono pubbliche. Pertanto, si può considerare pubblica la gestione affidata a delle Spa?Vi è compatibilita’ tra gestione pubblica del Sii e gestione mediante una Spa?La tesi qui esposta afferma che la gestione mediante Spa non rappresenta una gestione pubblica. Almeno per sette ragioni.  Leggi il seguito di questo post »

acqua2.jpgChe ne facciamo dell’AQP

l’AcquedottoPugliese non è solo uno dei più rilevanti problemi che Nichi Vendola  dovrà affrontare, ma anche lo snodo della mutata concezione del governo della Puglia: guardare ai bisogni delle popolazioni pugliesi non solo con l’ottica indispensabile e riduttiva dei bilanci, ma con una visione che partendo dalle priorità dei diritti e dei bisogni, faccia anche quadrare i con­ti. Non è facile, e in alcuni casi nemmeno possibile, ma sul tema dell’acqua, di un bene pubblico che deve essere garantito a tutti, invertire la direzione di marcia è non solo coraggioso, ma necessario. Peraltro, non pare proprio che siamo di fronte a sconsiderate politiche che non tengono nella dovuta considerazione la cruda realtà delle cifre. Piuttosto si capovolgono le priorità perché alla fine anche il rigore dei conti si possa coniugare con l’esercizio dei diritti.  L’approccio di Vendola, è condivisibile. Leggi il seguito di questo post »

a

APPUNTAMENTI

novembre: 2006
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Blog Stats

  • 101.905 hits