You are currently browsing the daily archive for 25,11PMMer, 29 Nov 2006 19:32:05 +01003322006,2008.

arci2.jpgLa manifestazione organizzata dagli studenti ’Universitari ERASMUS con la collaborazione dell’ ARCI cittadina 

Foggia – Si terrà domani, giovedì 30 novembre presso il circolo ARCI BELLAMI a partire dalla ore 22:00, la FESTA ERASMUS organizzata dagli studenti erasmus provenienti dalla Spagna con la collaborazione dell’ARCI del capoluogo dauno. L’incontro ha lo scopo di rafforzare i rapporti di socializzazione e coesione tra le varie comunità di studenti stranieri, provenienti dalla Spagna, Romania, Russia, Germania, alcuni Paesi asiatici quali Cina, Giappone, Corea e gli studenti italiani. Un apertura alla conoscenza delle realtà e delle esigenze dei giovani stranieri, residenti temporaneamente nel capoluogo dauno, che l’ARCI territoriale ha intenzione  di coltivare contribuendo alla formazione culturale attraverso l’organizzazione di altre iniziative per far conoscere agli studenti erasmus il territorio e la cultura della Capitanata. Infatti nei Programmi dell’ARCI di Foggia, sono previste una serie di visite guidate, con la partecipazione della segretaria provinciale dei Verdi e di Legambiente, nei paesi del Sub Appennino dauno e nel Parco Nazionale del Gargano. ARCI BELLAMI

Al via la raccolta di firme per l’iniziativa: «Un servizio pubblico privo di rilevanza economica»

All’inizio del 2007 inizierà in tutta Italia una raccolta di firme per la legge popolare contro la privatizzazione dell’acqua. La raccolta durerà sei mesi in modo che a metà luglio il parlamento sia investito da una valanga di firme, ben di più delle 50.000 necessarie. Il progetto di legge è stato presentato ieri a Roma. il testo è il risultato di una consultazione di massa avvenuta attraverso decine di riunioni locali e un successivo confronto sulla rete, per limare i vari articoli e non trascurare niente, fino ad arrivare al testo che sarà proposto al pubblico da gennaio, in una consultazione di massa che si prevede molto seguita e animata.

Ieri si è presentato il comitato promotore che agisce per conto di 55 reti nazionali e centinaia di reti territoriali. Tutti fanno parte del movimento nazionale sull’acqua, bene comune. Hanno parlato, tra gli altri, Bersani di Attac, Podda della Cgil pubblico impiego, Molinari del contratto mondiale dell’acqua, Miliucci dei Cobas, Martinelli di Mani tese. Ha concluso Zanotelli, «prete e missionario», come si è definito. L’acqua è un grande obiettivo che unifica l’intero movimento e per molti aspetti coincide, come ha notato Zanotelli, con il movimento della pace: un movimento di pace, che cerca la democrazia. Leggi il seguito di questo post »

aqp.jpgAccesso all’acqua – La soluzione non è il decreto Bersani

«C’è un limite perché non viene definito in maniera chiara che cos’è pubblico, anzi la definizione che viene data apre dubbi considerevoli sulla portata reale del decreto»

Il cosiddetto decreto Bersani non riguarda soltanto taxi, farmacisti, panettieri ecc. ma anche l’acqua. Il governo dell’Unione ha quindi confermato quanto previsto dal programma escludendo il settore dell’acqua dalle liberalizzazioni. L’acqua nel nostro paese ora per legge sarà pubblica nella proprietà e nella gestione e questo verrà inserito nella delega del governo.È un passo avanti? È positivo? Intanto la scadenza degli affidamenti e di passaggio alle gare (il 31 dicembre 2006) è prorogata di un anno e le Spa diventeranno le nuove anomalie del nostro sistema.

Ma è un provvedimento che risolve i problemi dell’acqua in Italia? Ne parliamo con il dott. Riccardo Petrella, presidente dell’Acquedotto pugliese, forte di una storia centenaria con i suoi 19.635 km di rete idrica gestita che serve 4.623.349 abitanti fornendo 309.416.113 metri cubi di acqua potabilizzata che ne fa il primo acquedotto d’Europa e il terzo nel mondo. Petrella è anche una personalità di spicco a livello internazionale per il suo impegno a favore dell’accesso della risorsa acqua come diritto universale dell’uomo. Leggi il seguito di questo post »

Quando l’interesse pubblico e’ un po’ troppo privato
di Rino Sanna

Pubblichiamo una precisazione a proposito dell’articolo Abrogare Dante o il Bingo europeo a seguito della domanda di un lettore che chiede all’autore cosa intenda per “bingo europeo”:Consulterei il Dizionario delle fregature e Mistificazioni Politiche, alla voce “bingo europeo” -“bingo europeo”, sost.maschile/ Attività di mistificazione politica con la quale, allo scopo di mantenere il potere politico (v. anche alla voce cadreghino) ci si accorda sostanzialmente con i poteri forti (v. finanza e padronato) per indurre il presunto consenso popolare nel proprio paese a scelte socio-economiche deleterie, facendole passare per trattati internazionali, nel caso specifico europei. Le scelte deleterie possono consistere nella negazione di quello che è il principio fondante della solidarietà sociale e nella distruzione anche nominale della tutela giuridica di tali principi (cfr. alla voce Organismi di diritto pubblico). Cruciale , per esempio, far passare per pubblico quello che in sostanza è senza veli l’affermazione definitiva del principio di legittimazione della speculazione privata, per il quale il privato debba fare affari e profitto – quando ci riesce – con i soldi della collettività e dividere con quest’ultima solo le perdite. Leggi il seguito di questo post »

a

APPUNTAMENTI

novembre: 2006
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Blog Stats

  • 101.905 hits