You are currently browsing the daily archive for 25,12PMLun, 04 Dic 2006 21:37:01 +01003372006,2008.

Il ministro aprirà il convegno “L’acqua per la pace e la solidarietà sociale”   pecoraro_scanio_alfonso_inf-200×150.jpg

Sarà il ministro dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio, ad aprire il convegno sul tema “L’acqua per la pace e la solidarietà sociale”, organizzato dalle associazioni Verdi Ambiente e Società e Green Cross, con il contributo del Comune di Cerignola.  La manifestazione è in programma mercoledì 6 dicembre al teatro comunale “Saverio Mercadante” e prevede due eventi: alle ore 10,00, la presentazione della mostra fotografica realizzata dall’AQP per il centenario, curata dal Presidente dell’Acquedotto Pugliese, Riccardo Petrella; alle ore 17,30, il convegno vero e proprio, cui è prevista anche la partecipazione del Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, e del Presidente nazionale dell’associazione V.A.S., Guido Pollice. Le manifestazioni cerignolane sono inserite nel programma per il centenario della fondazione dell’Acquedotto Pugliese – società pubblica costituita su iniziativa dell’allora ministro dei Lavori pubblici, il cerignolano Giuseppe Pavoncelli, che ne fu il primo presidente – ed hanno ottenuto il riconoscimento dell’alto patronato della Presidenza della Repubblica.

Il sistema pensionistico, un «pilastro» del sistema economico del dopoguerra, in via di liquidazione.

mazzetti1.jpgDalla «riforma Dini» in poi il sistema pensionistico è stato più volte modificato. A gennaio partirà l’ennesimo «tavolo» con obiettivo una nuova «riforma».  Ma in quale direzione ci si sta muovendo?

Lo chiediamo a Giovanni Mazzetti, economista e autore de Il pensionato furioso (Bollati).

La scelta del sistema a ripartizione, retributivo, era stata mal calcolata? 

Fu una scelta meditata, come la maggior parte delle scelte dell’epoca. Basti pensare al sistema sanitario nazionale o alla scuola dell’obbligo generalizzata; partono dal riconoscimento di una situazione nuova. Siamo usciti da una situazione di miseria e di bassa produttività, e siamo in grado di andare incontro a una quantità crescente di bisogni. Questo implica un aumento della produttività e la crescita dei bisogni e dei consumi delle grandi masse per garantire uno sbocco alla produzione.Se non c’è questo il sistema si avvita su se stesso. Come poi è successo quando hanno cominciato ad imporci la «politica dei sacrifici».Un investimento sul futuro… Leggi il seguito di questo post »

chavez_chavez_a.jpg

Grande riconferma della “revolucion bonita”. Alle elezioni presidenziali in Venezuela Chavez ha vinto con il 61.5% contro il 38,5% del candidato della destra Rosales. Il risultato è ancor più significativo perché questa volta la destra si presentava con un unico candidato e di un certo spessore – ancorché golpista nel 2002, Rosales è stato comunque due volte sindaco di Maracaibo –grande città petrolifera del Venezuela- e due volte Governatore dello Stato Zulia –uno dei 2 stati ancora governati dalla destra su 24 totali che compongono il Venezuela.

E la vittoria dei bolivariani è stata percentualmente ancora più alta che in tutte le precedenti nove elezioni. Una conferma importante che, assieme alla recente vittoria di Rafael Correa in Ecuador, conferma che in America Latina il vento è definitivamente cambiato

a

APPUNTAMENTI

dicembre: 2006
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Blog Stats

  • 101.876 hits