You are currently browsing the monthly archive for giugno 2007.

Il No al ddl Lanzillotta”

*  Antonio Bonanese Segr. Gener. Fp Cgil Foggia

**  Beppe di Brisco Attac Italia comitato di Foggia

untitled1.jpgL’attuale modello di sviluppo – energivoro,consumistico,individualista,iniquo – che sopravvive su una appropriazione sregolata di risorse e sulle disuguaglianze è oggi in profonda crisi.Il primato del Mercato e il dominio delle politiche neoliberiste mette in pericolo L’ambiente, la coesione sociale, le istituzioni. Ci sono dei limiti a questo sviluppo che sono dati da un Ambiente che non si può massacrare, da una coesione sociale che non si può distruggere, da beni comuni, dai quali dipende la nostra sopravvivenza che non potranno mai essere ridotti a merce. 

Gran parte del peso di questo nostro modello di sviluppo ricade sul Sud del mondo come nel Mezzogiorno, al quale viene impedito di trovare  la strada al proprio futuro, e sulle future generazioni,che rischiano di pagare con conflitti,povertà e degrado i nostri comportamenti. In questo contesto è proprio il ruolo dell’intervento pubblico che và rilanciato, diversamente da quanto propone il decreto legge Lanzillotta ( in esame alla Camera e in fase d’approvazione), con il quale si intende dare una ulteriore accelerazione liberalizzatrice in tema di servizi pubblici. Leggi il seguito di questo post »

173bis-kumitey.jpgIl Comune di Foggia aderisce alla proposta di legge di iniziativa popolare sulla ripubblicizzazione dell’acqua.

Anche per l’Amministrazione comunale di Foggia l’acqua è un bene di tutti e, in quanto tale, non mercificabile.  In questa ottica si inserisce l’adesione del Comune capoluogo, deliberata questo pomeriggio dalla Giunta, alla proposta di legge di iniziativa popolare “Principi per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque e disposizioni per la ripubblicizzazione del servizio idrico”.  L’adesione dell’Amministrazione comunale – spiega l’assessore ai diritti dell’uomo, Michele Del Carmine – giunge alla vigilia dell’arrivo a Foggia, previsto per domani pomeriggio presso l’isola pedonale, della carovana per l’acqua nell’ambito della Campagna nazionale “Acqua Pubblica, ci metto la firma!”. L’obiettivo della proposta di legge è quello di costruire un nuovo quadro normativo che riconosca l’acqua come bene comune, che va sottratto alle logiche del mercato e della concorrenza. “Quella del comitato promotore è senza dubbio una lodevole iniziativa che deve essere sostenuta per arrivare ad affermare la totale tutela di un bene essenziale e la completa ripubblicizzazione della sua gestione, da rifondare sulla partecipazione delle comunità locali”, ha concluso Del Carmine. La delibera sarà trasmessa al Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua.(Comune di Foggia, 26.06.2007) 

Il luogo è quello dove si sono addensate polemiche politiche che d’inverno hanno attraversato l’Italia quando Riccardo Petrella ha mollato in disappunto col presidente della Regione Nichi Vendola: l’Acquedotto Pugliese. Anzi, il luogo è il marciapiede antistante l’Aqp. Sì perché le stanze dei bottoni del Palazzo non hanno voluto ospitare la carovana dell’«Acqua pubblica ci metto una firma». Ma il clima è tutt’altro che avvelenato. Perché non si discute di dimissioni ne di nomine, ma di un successo: 30 mila firme pugliesi a sostegno dell’Acqua pubblica. Fa tappa anche Bari, dunque, e non a caso davanti all’Aqp, la Carovana dell’Acqua pubblica: oggi e a Barletta e Foggia. I numeri felici della Puglia che vuole l’acqua pubblica li riassume Margherita Ciervo e Beppe di Brisco, portavoce del Comitato promotore pugliese: 30mila firme, 180 organizzazioni e 20 Comuni che fanno della Puglia la regione prima in Italia per numero di enti locali che hanno aderito. Ma nella lista, è bene ribadirlo, nosi c’è il Comune di Bari, nemmeno la Provincia. Leggi il seguito di questo post »

FOGGIA 27 giugno 2007 dalle ore 17 –isola pedonale

Da domenica 24 al1 luglio quattro carovane percorreranno l’Italia, toccando tutti i capoluoghi di regione ed i territori in cui sono nate vertenze sul tema dell’acqua. In ogni tappa verrà organizzata un’iniziativa pubblica. L’1 luglio le carovane confluiranno a Roma per l’evento di chiusura, portando simbolicamente le firme che saranno consegnate il 10 luglio al Presidente della Camera…

image001.jpgIn Puglia  e Basilicata la carovana per l’acqua a guida di Corrado Oddi (Fp Cgil) e Renato Di Nicola (abbruzzo social Forum) partirà da Potenza il 24 giugno per arrivare a Foggia il 27 nel pomeriggio presso l’isola pedonale  dove sarà previsto un dibattito pubblico con proiezione di film documentari. 

La carovana Per l’acqua attraverserà i comuni di Matera, Potenza, Lecce, Merine, Salice, Locorotondo , Cisternino, Barletta e Foggia. Il forum dei movimenti per l’acqua pugliese è lieto di ospitare la carovana  simbolo anche di un notevole impegno di tutti i cittadini pugliesi che con  circa 30000 firme raccolte a sostegno della legge d’iniziativa popolare “ Acqua pubblica ci metto la firma” hanno dimostrato una forte sensibilità al problema dell’acqua. 

Il forum Pugliese  con più di 180 associazioni raccoglie il consenso anche di 20 Comuni che hanno deliberato a favore della Proposta di Legge d’iniziativa popolare riconoscendo l’acqua un bene comune dell’umanità ,pubblico e non soggetto ad indirizzo di tipo privatistico rispondente solo ad interessi economici dei singoli. 

Il Forum pugliese ringrazia Il : Comune di Bitonto (BA), Comune di Carlantino (FG), Comune di Casalvecchio di Puglia (FG), Comune di Casamassima(Ba), Comune di Ceglie Messapica (BR), Comune di Cellino San Marco(BR), Comune di Cisternino (BR),Comune di Corigliano D’otranto(LE),Comune di Foggia (FG), Comune di Lizzanello(LE),Comune di Locorotondo (BA), Comune di Melpignano (LE), Comune di Mesagne (BR), Comune di Ostuni (BR), Comune di Poggioimperiale(FG),Comune di Rignano Garganico (FG),Comune di San Pietro Vernotico (BR), Comune di Specchia (LE), Comune di Torremaggiore(FG),Comune di Villa Castelli (BR).

e tutti i cittadini pugliesi e invita a partecipare agli incontri previsti dalla carovana dell’acqua.  

 Forum pugliese dei movimenti per l’acqua

SCARICA IL PROGRAMMA CAROVANA DELL’ACQUA IN PUGLIA (carovana-n2.doc)

  

libro_marco.jpgAcqua in Movimento. Ripubblicizzare un bene comune

di Marco Bersani

prefazione di Guglielmo Ragozzino Edizioni Alegre – Attac Italia € 10,00

Questo libro tematizza la complessità legata al problema acqua, sia a livello locale che globale. L’autore affronta la crisi idrica planetaria e le politiche di privatizzazione portate avanti dalle corporations del settore e sostenute dalle grandi istituzioni internazionali (Fmi, Banca Mondiale, Wto), la storia della privatizzazione in Italia, le lotte e le mobilitazioni sociali che attraversano i continenti del sud del mondo. Per arrivare poi ad analizzare i percorsi di lotta nelle realtà territoriali del nostro paese, arrivando fino alla costituzione del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua e alla campagna nazionale per una legge di iniziativa popolare per la pubblicizzazione dell’acqua. Di particolare rilevanza l’analisi teorica sull’alternatività strutturale e non mediabile fra gestione privata e gestione pubblica dei servizi idrici, così come le proposte ­ risultato di un’ampia riflessione culturale e politica dell’autore ­ per una gestione pubblica fondata sulla partecipazione diretta delle comunità locali.

puoi ordinare il libro scrivendo: a marcattac@email.it  oppure al comitato locale di attac Foggia foggiattac@yahoo.it

specialetg1_logo_new.gifSpeciale Tg1 del 3 giugno 2007. Di Alessandro Gaeta

Dalla Sicilia alle Alpi un’ondata di protesta contro le bollette dell’acqua (sempre più care) sta scuotendo l’Italia. La tariffa in alcuni province è aumentata con notevoli percentuali, soprattutto a causa della privatizzazione in corso in tutto il comparto dell’acqua potabile.

La maggior parte dei 13mila acquedotti italiani sta passando sotto il controllo di società per azioni, a capitale metà pubblico e metà privato e i costi di gestione sono entrati a far parte della bolletta. E dove sono scattati i primi aumenti, è iniziata la contestazione.  

In città come Firenze, Napoli, Ferrara, Avellino e in paesi più piccoli come Nola e Aprilia ferve la discussione e nascono comitati di protesta che in alcuni casi stanno praticando l’autoriduzione delle bollette. Le polemiche sulla privatizzazione e la distribuzione dell’acqua potabile, il dibattito sull’uso di questa importantissima risorsa di vita, gli sprechi, le garanzie di qualità e purezza dell’acqua che beviamo sono il tema dello Speciale Tg1 dal titolo “H2Oro, acqua pubblica o acqua privata?”.  Il documentario, realizzato da Alessandro Gaeta con la fotografia di Claudio Callini e il montaggio di Edgardo Ciannella, andrà in onda per Speciale Tg1 domenica 3 giugno alle 23,20.

 

Vedi lo Speciale del TG1

 

 

E’ stato approvato oggi alla Camera dei Deputati l’emendamento al Disegno di Legge Bersani contenente il provvedimento di moratoria sui processi di privatizzazione dell’acqua.L’emendamento prevede che, fino all’approvazione di una nuova normativa, in attuazione dei decreti correttivi del decreto ambientale, relativa alla gestione del servizio idrico integrato , siano sospesi tutti gli affidamenti a soggetti privati, compresi quelli attualmente in corso.

Il Parlamento dunque recepisce quanto da tempo – a partire dalla grande manifestazione nazionale di Palermo del 10 marzo scorso – i movimenti per l’acqua chiedono, attraverso le mobilitazioni territoriali e la campagna nazionale di raccolta firme per una nuova legge d’iniziativa popolare per la ripubblicizzazione dell’acqua.Con questo provvedimento – che chiediamo sia rapidamente approvato anche dal Senato – vengono sconfitte tutte le accelerazioni verso la privatizzazione dell’acqua che a livello regionale e locale erano state portate avanti dalle lobbies del capitale finanziario, per respingere la campagna in corso per la ripubblicizzazione dell’acqua e per far trovare di fronte al fatto compiuto ogni possibile conquista normativa in direzione dell’acqua bene comune e diritto umano universale.

L’approvazione della moratoria dimostra una volta di più le ragioni del Forum dei Movimenti per l’Acqua che dal gennaio scorso ha iniziato una campagna di raccolta firme – ormai giunta sopra le 300.000 firme – per chiedere che l’intero ciclo dell’acqua sia tolto dal mercato e restituito, come bene comune e risorsa da conservare, allo spazio pubblico e alle comunità locali per una gestione che sia pubblica e partecipativa.Il Forum Italiano dei Movimenti per l’AcquaIl Forum dei Movimenti per l’Acqua è composto da più di 70 realtà nazionali e oltre 1000 adesioni territoriali impegnati nella raccolta di firme a sostegno delle legge di iniziativa popolare per la ripubblicizzazione dell’acquaPer info: http://www.acquabenecomune.org 

 nascono1.jpg

 A 33 anni dalla strage fascista di Brescia,  in cui persero la vita 8 persone e oltre 100 rimasero ferite. A morire anche Luigi Pinto, foggiano, comunista, antifascista. Non c’è bisogno di condanne di tribunali:  è noto chi furono le vittime e chi i carnefici.

Chi in quegli anni lottò per la libertà  e chi invece orchestrò derive neoautoritarie.

Chi ha protetto tali strategie e chi ne pagò le conseguenze.nenasconoaltricento1.jpg

Foggia – sabato 2 giugno ore 19:30 Chiostro Santa Chiara (Via Arpi)

proiezione del video autoprodotto / intervista con Lorenzo Pinto“Ne nascono altri cento” Ingresso libero.  Prenota la tua copia contattando il coordinamento antifascista foggiano per info e contatti: antifafg@katamail.com 

a

APPUNTAMENTI

giugno: 2007
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

Blog Stats

  • 101.876 hits