You are currently browsing the daily archive for 25,03PMDom, 16 Mar 2008 20:08:15 +0100752008,2008.

Cronaca di un disastro politico e della catena degli errori e delle responsabilità di due giunte regionali e del governo L’eco “balla” dei rifiuti campani

ecoballe1.jpgEmergenza rifiuti uguale a cumuli di spazzatura, roghi o discariche presidiate dalla polizia, cittadini inferociti… Ma qual è la catena di errori, incompetenze e malaffare che in un quindicennio di fallimenti commissariali e con un buco finanziario di 2 miliardi di euro ha prodotto il disastro?

L’emergenza in Campania è stata dichiarata fin dal 1994, per la cattiva gestione dei rifiuti urbani e per l’illecito sversamento di rifiuti tossici, soprattutto in terre comprese fra le province di Caserta e di Napoli, provenienti da tutta Europa spesso con l’aiuto spesso delle ecomafie, camorra in primis. Su questi aspetti la magistratura e gli inquirenti sono al alvoro da tempo e ci diranno, quello che conosciamo, invece, è la catena politica delle decisioni. Leggi il seguito di questo post »

Anubi D’Avossa Lussurgiu

Professor Gallino, due cifre si sono abbattute sull’Italia: quella della media delle retribuzioni rilevata dall’Ocse e quella della stima sulla crescita del Pil nel 2008 fatta nella Trimestrale di cassa, prossima allo zero. C’è ora chi dice che per incrementare i salari occorre rilanciare la produttività: ma non è quest’ultima a rivelarsi fallimentare? E non ne è responsabile il sistema d’impresa?

Questa è una storia ormai lunga, di un decennio se non di più. Infatti la magnificata stagione delle privatizzazioni ha di fatto ridotto ulteriormente la dimensone della imprese italiane: non abbiamo più giganti industriali in senso stretto, paragonabili non solo a quelli che hanno Francia e Germania ma persino a quelli della piccola Svizzera. La verità è che adesso noi continuiamo ad essere abbastanza forti solo in quei settori che, nel mercato globale, diventano deboli: come gli articoli per la casa o l’abbigliamento di fascia media. Dunque, sì: la produttività è obiettivamente un problema. Ma non si può scaricarla sugli operai: è stata bassa anche e prima di tutto quella del capitale. Molto più bassa della media europea. Non c’è stata una politica adeguata di investimenti. E sono questi che mancano anche quando si parla di produttività del lavoro. Manca la formazione, sopra ogni cosa: in una recente e ampia inchiesta indipendente sui metalmeccanici, è emerso che solo il 20 per cento ha ricevuto formazione pagata dalla propria azienda. E per una media di 2 minuti al giorno. Qualcosa che lascia semplicemente sgomenti. Leggi il seguito di questo post »

14 – 15 – 16 MARZO 2008
FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI PER L’ACQUA
ACQUA PUBBLICA, DAL BASSO SI PUÒ!

manifesto_eventi_14-15-16_marzoa4_altissima_risoluzione.jpgmanifesto_eventi_14-15-16_marzoa4_altissima_risoluzione.jpg

a

APPUNTAMENTI

marzo: 2008
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Blog Stats

  • 101.905 hits