You are currently browsing the tag archive for the ‘Globalizzazione’ tag.

Quando la riunione plenaria conclusiva si è aperta con cinque o sei ore di ritardo ed è stata subito interrotta, s’è sentito il sapore della farsa. Della farsa, o quanto meno del caos che regnava all’interno del palazzo della Fao se comincia una plenaria senza la delegazione europea. Erano le 18 e 50, e l’imbarazzante stallo ancora non si era risolto. Riprendono, alle 19 e 30, con la protesta dei delegati che, sostengono «non sono stati sufficientemente informati». Alle 20 l’approvazione del rapporto del Comitato plenario, il primo documento finale della Conferenza, viene bloccato dall’Argentina, che non vuole vedersi imposte regole sulle restrizioni all’export. Poi Cuba e Venezuela parlano di «supposta maggioranza» per ben due volte, e i toni sono durissimi. «E’ disdicevole continuare così, non pensiamo più a quelli che soffrono» tuona il delegato del Congo. 

E’ in questo clima che viene approvata la dichiarazione finale, dopo 72 ore di trattative e l’opposizione dell’Argentina ha fatto aggiungere la sua dissociazione, in coda al documento: un clima da Wto, ovvero da organizzazione mondiale del commercio, che non ci si aspettava certo di trovare all’interno del palazzo di un’organizzazione dovrebbe occuparsi della fame nel mondo. Così, dopo la passerella dei capi di Stato, i vergognosi banchetti e le photo opportunity, ieri alla Fao è stato il giorno della resa dei conti.

Leggi il seguito di questo post »

fotomorarae.jpgCrisi idrica e mercificazione dell’acqua potabile

Le guerre del prossimo secolo saranno per l’acqua. Noi siamo portati a credere che ci sia un’infinita quantità di acqua potabile sul pianeta. Ma questo assunto è tragicamente falso. La percentuale di acqua potabile presente sulla Terra è meno della metà dell’1% di tutta l’acqua presente sul pianeta. Il restante 99% è acqua di mare o è congelata nei ghiacci polari. L’acqua dolce è rinnovabile solo grazie alle piogge al ritmo di 40 – 50 mila km cubici per anno. Il consumo globale di acqua si raddoppia ogni 20 anni, più del doppio del tasso di crescita della popolazione umana. Secondo le stime delle Nazioni Unite, già oggi più di un miliardo di persone non ha accesso all’acqua potabile. Se il trend corrente persiste, nel 2025 è probabile che la richiesta di acqua dolce sia superiore del 56% alla quantità di acqua oggi disponibile. Più la crisi dell’acqua si intensifica, più i governi – sotto la pressione delle aziende multinazionali – stanno invocando soluzioni radicali: la mercificazione e il trasporto di grandi quantità d’acqua. Coloro che propongono la mercificazione e la conseguente privatizzazione dichiarano che questo sistema è l’unico modo per distribuire l’acqua nel mondo assetato. Ma, nei fatti, l’esperienza dimostra che vendere l’acqua nel libero mercato non risponde ai bisogni dei poveri, dei derelitti. Al contrario l’acqua privatizzata è riservata a quelli che possono pagare per averla, vale a dire le ricche metropoli, le persone ricche e le grandi aziende consumatrici intensive di acqua come l’agricoltura e le nuove tecnologie. Leggi il seguito di questo post »

a

APPUNTAMENTI

dicembre: 2021
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Blog Stats

  • 101.905 hits