You are currently browsing the tag archive for the ‘sanità’ tag.

Oggi il voto finale della Camera sulla manovra economica. Tagli allo Stato sociale all’istruzione e alla salute. Mentre negli Stati Uniti si discute esattamente dell’opposto…

Antonella Marrone

Oggi il governo porrà la fiducia alla Camera sulla manovra finanziaria. Passerà. Passerà la manovra, e, speriamo in tempi brevi, passerà anche questa oscura parentesi nel nostro vivere, questa nottata di ignoranza, di furia iconoclasta verso tutti i buoni principi di un paese democratico. Una manovra che dimostra come questo governo sia il più retrivo dei governi di destra europei. I tagli previsti – e quelli che hanno già decisio di prevedere con la finanziaria di fine anno – riducono il nostro stato sociale ad un colabrodo. Diritti inalienabili e fondamentali diventeranno un terno al lotto, grazie agli 8 miliardi di tagli per la scuola in tre anni, alle migliaia di piccole scuole chiuse, al blocco dei ticket sanitari, alla riduzione dei letti in ospedale, ad una norma sui precari che resta ancora in attesa di essere scagionata dalla verosimile accusa di incostituzionalità. Leggi il seguito di questo post »

Risposta della FSESP alla direttiva della Commissione europea concernente l’assistenza sanitaria transfrontaliera.

1) Questa direttiva è potenzialmente una “direttiva Bolkestein” della sanità

La Commissione ha presentato la sua proposta come una misura concreta volta a regolamentare la libertà di circolazione e stabilimento nel mercato interno della sanità, similmente al suo approccio tenuto nelle precedenti versioni della direttiva sui servizi.

2) La direttiva NON riguarda solamente la mobilità dei pazienti

La direttiva riguarda l’assistenza sanitaria transfrontaliera, NON solo la mobilità dei pazienti. La Commissione, nella sue dichiarazioni pubbliche sulla direttiva, ha sempre ignorato il fatto che questa direttiva, in aggiunta alla mobilità dei pazienti, si occupa del diritto a fornire assistenza sanitaria tra uno stato membro ed un altro, del diritto di stabilimento di un servizio sanitario in un altro stato membro, e del diritto alla mobilità intracomunitaria dei professionisti sanitari.

3) La direttiva è disegnata per aiutare i fornitori di sanità privata e non i pazienti

La definizione di assistenza sanitaria transfrontaliera, ed in particolare il diritto a fornire un servizio sanitario da uno stato membro all’altri, apre questioni relative alla qualità del controllo, all’adeguamento della sorveglianza sanitaria ed alla trasparenza del rispetto delle norme. Il risultato finale è che si rende più facile l’intervento di operatori sanitari privati e più difficile il controllo della qualità. Leggi il seguito di questo post »

a

APPUNTAMENTI

giugno: 2021
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Blog Stats

  • 101.288 hits