Venerdì scorso, presso la sede provinciale della Federazione dei Verdi di Foggia, l’Assessore Comunale Michele Del Carmine ha incontrato la rete foggiana Stop Bolkestein – Stop GatsAbbiamo raggiunto un risultato storico. Ora ci aspettiamo che il Consiglio Comunale di Foggia capisca l’importanza di esprimersi in tempi brevi sulla direttiva Bolkestein e la necessità di bocciarla in toto, come già fatto da altre amministrazioni comunali italiane”. Questa la dichiarazione di Attac Foggia, Beppe Di Brisco, dopo l’incontro svoltosi lo scorso venerdì presso la sede provinciale della Federazione dei Verdi di Foggia al quale ha partecipato, in rappresentanza del Comune di Foggia, l’assessore Michele Del Carmine. Dopo l’adesione della regione Puglia attraverso l’assessorato al Welfare, quindi, la Rete ha incassato anche quella dell’Amministrazione foggiana.

“La partecipazione dell’assessore – spiega Di Brisco – dimostra la sensibilità dell’Amministrazione Comunale quando emergono situazioni di pericolo per il bene collettivo della comunità. Infatti, se malauguratamente la direttiva dovesse diventare esecutiva, i cittadini si troverebbero a pagare sulla propria pelle un prezzo altissimo derivato dalla privatizzazione di tutti i servizi pubblici e dalla liberalizzazione del mercato del lavoro. Adesso attendiamo che la nostra proposta venga discussa quanto prima in consiglio comunale e, naturalmente, ci aspettiamo una partecipazione positiva di tutti i consiglieri.

Perché quando parliamo di direttiva Bolkestein non ci riferiamo solo a un determinato colore politico, ma a tutti coloro che hanno a cuore le sorti della nostra comunità”.La direttiva sarà discussa in Commissione Plenaria per l’approvazione definitiva nella metà di gennaio 2006. “L’obbiettivo di questa direttiva è quello di imporre ai 25 stati una concorrenza commerciale senza limiti, nelle attività di servizi, nel commercio, come anche nelle cure sanitarie, nella scuola e nella cultura.

La Commissione mercato interno vuole per forza eliminare i vincoli che limitano lo svolgimento e la libera circolazione dei servizi, ossia le regole nazionali, i diritti democratici e sociali, conquistati con difficoltà nel passato. La commissione vuole quindi cancellare questi diritti per trasformare ogni tipo di servizio in merce, il cui unico scopo è lucrativo.Intanto, il prossimo 13 dicembre la discussione della direttiva approderà nel Consiglio della Regione Puglia.

Il Coordinamento Provinciale Rete Foggiana Stop Bolkestein – Stop Gats ! Promotori: Attac Foggia, Beppe Di Brisco – Federazione Verdi Foggia –  Fabrizio Cangelli Adesioni: Regione Puglia, Assessorato al Welfare – Comune di Foggia, Assessorato ai Diritti dell’Uomo – Associazione Libera – VAS, Verdi Ambiente Società – Ambientalisti e pacifisti – Comunisti Italiani Foggia – PRC Foggia – Liberamente – Arci Foggia – Rhymers Club – Failms Centro SudAttac Foggia